film

 

Commozione sottovoce

di Ilaria Scala - 5/8/2009

E' il primo film drammatico di Luca Lucini, regista che sembra sempre un esordiente, ma ha giÓ girato alcuni piccoli film godibili e senza pretese (ABC Amore Bugie e Calcetto, L'uomo perfetto, ma anche - ahimŔ - Tre metri sopra il cielo).

Si intitola Solo un padre, ed Ŕ la storia di un giovane padre vedovo (la moglie Claudia Pandolfi Ŕ giÓ morta di parto prima dell'inizio del film), che cresce la figlia affrontando da solo le classiche 'fatiche' della vita con un neonato: le notti in bianco, la scarsa vita sociale, la difficoltÓ di conciliare l'impegno di genitore con il lavoro.

Lo aiuta e lo consola un coro di vivaci personaggi di contorno: i genitori, gli amici-soci-colleghi, le amiche che vorrebbero 'accasarlo', e sopratutto una vicina conosciuta per caso, straniera e originale.

Luca Argentero nei panni del protagonista Ŕ bravo a tratteggiare il disorientamento di una vita in bilico tra la pienezza e l'amore (per la figlia) e la depressione della solitudine. La giovane Diane Fleri conferma la recitazione sensibile e delicata che giÓ avevamo apprezzato in Mio fratello Ŕ figlio unico.

Il film nel complesso, pur senza essere indimenticabile, ha il pregio di commuovere sottovoce, senza retorica nÚ eccessi drammatici, e con un colpo di scena emotivo che ne accentua il realismo e la malinconia di fondo.

 

Solo un padre, di L. Lucini
con L. Argentero, D. Fleri, C. Pandolfi, F. Troiano
Italia 2008

Tutti i film